Report viaggio naturalistico-fotografico all'Isola della Cona

L'isola che c'è .... Riserva Naturale della Foce dell'Isonzo - Isola della Cona.

 

 A fine marzo proprio come degli uccelli migratori uno stormo di circa 25 soci ARDEA si è diretto a nord verso uno dei siti di stopover più importanti del Mediterraneo, la porta di accesso all'Esteuropeo per i migranti alati e non.

Partenza da Napoli e dopo aver attraversato l'Appennino il gruppo ha raggiunto il Friuli per immergersi nella bellezza dei prati allagati della Riserva. La presenza di una foresteria spaziosa con numerosi posti letto ed annessi servizi ha reso agevole la sistemazione dei bagagli e delle attrezzature, nonché la permanenza. Ma ciò che rende meraviglioso l'essere lì non è quello che è presente nelle strutture d'accoglienza ma ciò che è fuori dalle finestre ...

 

 

                         

 

I bianchi cavalli della Camargue si muovono sul verde intenso dei prati che nel paesaggio spesso cedono il posto all'azzurro degli specchi d'acqua sui quali volano, pescano e vivono una miriade di specie di uccelli. La check list annovera ben 323 specie più o meno la metà di quelle osservabili in tutta Europa!

Le osservazioni vengono agevolate dalla presenza di numerosi capanni d'avvistamento, alcuni dei quali a più piani, con ampie vetrate e un numero ideale di sedute. Strutture ben allestite anche sotto il profilo della cartellonistica interna, pienamente rispondente al contesto esterno, cosicché riesce estremamente semplice approfondire quanto la natura propone!

 

Uno dei capanni della Riserva

 

Davvero eccezionale la segregazione verticale interna all'osservatorio "La Merinetta" che  consente di esplorare la colonna d'acqua dove insieme ad i pesci nuotano le tartarughe palustri; una finestrella  consente di affacciarsi sul pelo dell'acqua e di sfiorare le foglie galleggianti delle ninfee come fanno le libellule multicolore; varie rampe di scale consentono di salire sempre più in alto regalando di piano in piano una nuova visione di quanto visto in precedenza, sempre più ampia, con un orizzonte sempre più lontano fino ad avere l'impressione di osservare i 2.338,00 ettari di terra e i 1.154,00 di mare che compongono la riserva, fino ad avere l'impressione di essere parte integrante di quel sistema naturale, che resta meraviglioso!

 

I colori del lago

 

L'isola della Cona di notte mostra vari aspetti invisibili alla luce, come i suoni degli insetti e degli anfibi fra i quali si facevano sentire forte le raganelle che in coro animavano il buio. Da un punto di vista ornitologico il periodo primaverile forniva infinite possibilità in quanto si è in piena migrazione, con ancora presente qualche contingente di svernati che si mescolavano ai nidificanti più precoci. Infatti è stato particolare vedere le oche selvatiche nuotare con gli anatroccoli al seguito, e numerose specie con ancora il piumaggio invernale.

 

L'aspetto tuttavia più eccezionale dell'Isola della Cona che rende questa Riserva un luogo d'incredibile valore è la gestione che negli anni è riuscita ad intercettare ed incrementare enormemente i flussi turistici alternativi e sostenibili che oggi rappresentano un vero e proprio valore aggiunto. Infatti l'area può essere visitata per più motivi e in vari modi. E' una sorta di mecca per gli ornitologi per cui viene resa nota la presenza di ogni specie che può indurre i birdwatchers e gli appassionati di spostarsi anche di centinaia di km. E' un sito ottimo per i fotografi naturalistici, sia per quelli amatoriali che per i viaggi fotografici organizzati. Numerosi anche gli amanti delle passeggiate visto il chilometrico reticolo di sentieri in piano e le famiglie in escursione domenicale. Non mancano tutti gli elementi che rendono il sito un luogo eccezionale per le escursioni scolastiche di ogni ordine e grado ma anche un interessante museo e supporti didattici esterni che consentono ai visitatori interessati di poter approfondire tanti argomenti. Non mancano elementi di confort che possono motivare anche i visitatori più scanzonati, come la presenza di un bar da cui bere un caffè ed osservare gli aironi pescare a pochi metri con i cavalli al galoppo sullo sfondo. Non mancano tavoli panche e la possibilità di acquistare e consumare cibo in aree della riserva dedicate a questo, in modo da non recare alcun disturbo a chi è giunto alla riserva per fotografare, studiare o meditare.

 

Durante il viaggio di ritorno verso Napoli è stato impossibile non pensare a come un’ area protetta d'incredibile biodiversità da tutelare misure di gestione e limiti di conservazione di specie ed habitat era stata trasformata in un polo turistico il cui indotto si riversa su una superficie ben più ampia della riserva stessa. E’ stato impossibile non pensare quante altre aree protette si potrebbero valorizzare in questo modo, è stato impossibile non pensare a tutti i paesaggi attraversati ed alle specie che li abitavano, è stato inoltre esaltante costatare quanto il mix di competenze naturalistiche presente nel gruppo di soci in viaggio che spaziava dalla  botanica all'ornitologia passando per l'astronomia ed erpetologia aveva concesso a tutti di osservare con gli occhi degli altri gli infiniti microcosmi presenti che ci circondavano e comprenderne le interazioni.

 

Testo a cura di
Rosario Balestrieri, Presidente ARDEA

e foto a cura dei soci

Ilaria Cammarata, Valeria Balestrieri, Rosario Balestrieri

 

 

Di seguito le check list completa, a cura del socio Salvatore Ferraro

 

Vipera ammodytes Herp-List

  1. Biacco
  2. Lucertola campestre
  3. Lucertola muraiola
  4. Natrice dal collare
  5. Natrice tassellata
  6. Raganella italiana
  7. Ramarro occidentale
  8. Rana verde
  9. Rospo comune
  10. Tartaruga palustre americana
  11. Tartaruga palustre europea
  12. Vipera cornuta

 

Caprioli

Mammal-list         

  1. Capriolo
  2. Cavallo Camargue
  3. Coniglio selvatico
  4. Nutria
  5. Scoiattolo comune

 

Grifone

Ornitho-list   

  1. Airone bianco
  2. Airone cenerino
  3. Airone guardabuoi
  4. Airone rosso
  5. Alzavola
  6. Balestruccio
  7. Ballerina bianca
  8. Ballerina gialla
  9. Barbagianni
  10. Beccaccia di mare
  11. Beccaccino
  12. Canapiglia
  13. Capinera
  14. Cardellino
  15. Casarca
  16. Cavaliere d’Italia
  17. Chiurlo maggiore
  18. Chiurlo piccolo
  19. Cicogna bianca
  20. Cigno reale
  21. Cincia bigia
  22. Cinciallegra
  23. Cinciarella
  24. Civetta
  25. Codibugnolo
  26. Codirosso spazzacamino
  27. Codone
  28. Colombaccio
  29. Colombo domestico
  30. Combattente
  31. Cormorano
  32. Cornacchia grigia
  33. Cornacchia nera
  34. Corriere piccolo
  35. Corvo imperiale
  36. Edredone
  37. Fagiano
  38. Falco di palude
  39. Falco pellegrino
  40. Fenicottero rosa
  41. Fischione
  42. Folaga
  43. Fringuello
  44. Gabbiano comune
  45. Gabbiano reale
  46. Gallinella d’acqua
  47. Garzetta
  48. Gazza
  49. Germano reale
  50. Gheppio
  51. Ghiandaia
  52. Grifone
  53. Luì piccolo
  54. Marangone minore
  55. Martin pescatore
  56. Marzaiola
  57. Merlo
  58. Mestolone
  59. Nibbio bruno
  60. Nibbio reale
  61. Nitticora
  62. Oca lombardella
  63. Oca selvatica
  64. Occhiocotto
  65. Pantana
  66. Passera mattugia
  67. Passero d’Italia
  68. Pavoncella
  69. Pettegola
  70. Pettirosso
  71. Picchio rosso maggiore
  72. Picchio verde
  73. Piro piro boschereccio
  74. Piro piro culbianco
  75. Piro piro piccolo
  76. Pispola
  77. Pittima reale
  78. Pivieressa
  79. Poiana
  80. Rondine
  81. Scricciolo
  82. Smergo minore
  83. Sparviero
  84. Spatola
  85. Storno
  86. Strolaga mezzana
  87. Svasso maggiore
  88. Svasso piccolo
  89. Taccola
  90. Tordo bottaccio
  91. Tortora dal collare
  92. Totano moro
  93. Tuffetto
  94. Upupa
  95. Usignolo di fiume
  96. Verdone
  97. Verzellino
  98. Volpoca

 

 

 

 

 

Ultimi articoli

Introduzione alle farfalle d'Italia in REMOTO

14 Maggio 2021
Leggi di più

Corso di Birdwatching in Remoto

6 Aprile 2021
Leggi di più

ALI FLEGREE

12 Marzo 2021
Leggi di più

Social Nature

18 Febbraio 2021
Leggi di più

INTRODUZIONE AL MONDO DELLE LIBELLULE ITALIANE

10 Febbraio 2021
Leggi di più

"La botanica come guida alla lettura del paesaggio della Campania e regioni limitrofe"

26 Gennaio 2021
Leggi di più

CORSO “INTRODUZIONE ALLE FARFALLE D’ITALIA: OSSERVAZIONE, IDENTIFICAZIONE E TUTELA”

25 Gennaio 2021
Leggi di più

Corso di Disegno Naturalistico Online

12 Gennaio 2021
Leggi di più
Iscriviti alla
newsletter
envelopemap-markerlocationmagnifiercrossmenuchevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram